Alessandro Costagliola | Una partita che non resterà nella memoria di quel Procida spettacolare che Bruno Mandragora ha saputo mostrare con il suo modo di allenare quella vista allo Spinetti tra Procida e Pimonte. Infatti a deciderla è soltanto un gol al 27′ del primo tempo di Roghi, dopo che il numero uno degli ospiti Russo ha respinto in malo modo una punizione velenosa di Napolitano, ma sulla ribattuta la punta biancorossa è stato il più lesto di tutto e ha portato in vantaggio il Procida. Per il resto parecchie occasioni sprecate, con Dodò e Sperandeo su tutti. Ma la soddisfazione più grande viene dalla vittoria e dal 13esimo risultato utile consecutivo della gestione Mandragora dopo la sconfitta al suo esordio sul campo del San Giorgio. Settimana prossima il Procida sarà ospite della Mariglianese, senza lo squalificato Roghi, che si è fatto ammonire al 38′ del secondo tempo in una maniera stupida (era in diffida) per aver calciato il pallone in rete a gioco fermo. Ma i ragazzi biancorossi dovranno dare il massimo già dalla prossima sfida per arrivare ai play-off tanto sognati in questa stagione. Tutti a sostenere il Procida in questo altro difficilissimo compito!!!