Redazione – Immersi nei display degli smartphone,  costretti a sopportare l’attesa di auto e rimorchi che si imbarchino, nel salone  o chi addirittura nel garage, abbiamo un po tutti perso il senso del bello che si può ammirare da un traghetto o da un aliscafo. Panorami mozzafiato tra l’azzurro del mare, il verde e il marrone delle coste con motoscafi che seguono e che sfrecciano verso lidi nostrani, lontani dell’arsura delle città.

Se poi a questo arcobaleno di colori di metà luglio,  ai gabbiani che seguono il corso della spuma bianca, si affianca un ambiente tenuto con cura, pulito, sicuro, silenzioso e “gentile”,  anche una “corsa” da e per Pozzuoli, diventa occasione per lasciarsi cullare dal mare e anche se per poco abbandonare alle spalle un po di quel trambusto quotidiano che – in un modo o in un altro – ci accompagna nelle nostre vite .