FAI E I LUOGHI DEL CUORE: PALAZZO D’AVALOS E VIVARO NEL PROSSIMO CENSIMENTO

Redazione | Se vi siete mai chiesti cosa sia Palazzo D’Avalos non siete mai stati a Procida. Lo vedi, o meglio vedi il complesso di terra murata da quasi da ogni angolo dell’isola se alzi il muso da un terrazzo o da uno squarcio tra  le stradine . Lo vedi dal mare mentre torni da Napoli e non puoi resistere, non ti puoi trattenere dal bisbigliare: “Siamo a casa”. Oppure dall’esatto lato opposto provenendo da Ischia vedi stagliata Vivaro, Due stupendi posti  e un amore inmisurabile con tutto il territorio.  Proteggerli e valorizzarli significa proteggere e dare valore all’isola intera.  L’unicità – di posti come questi –  è ciò che contraddistingue l’Italia nella sua bellezza.

In tale direzione va  una delibera di giunta municipale su proposta dell’Assessore alla valorizzazione di Palazzo d’ Avalos e Vivara, Antonio Carannante. Si legge nell’atto deliberativo:

« Ricordiamo -che il FAI – Fondo Ambiente Italiano è una delle più prestigiose fondazioni italiane avente lo scopo di agire, senza scopo di lucro, per la tutela, la salvaguardia e valorizzazione del patrimonio storico e · naturale italiano;

inoltre promuove l’educazione e la sensibilizzazione della collettività alla conoscenza, al rispetto e alla cura dell’arte e della natura e l’intervento sul territorio in difesa del paesaggio e dei beni culturali italiani;

– che ogni due anni bandisce un censimento nazionale dei luoghi da non dimenticare denominato “I luoghi del cuore”.

Tale censimento costituisce un importante strumento per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di proteggere e valorizzare i beni del territorio e contribuisce a portare i luoghi votati all’attenzione nazionale;

-che la visibilità ottenuta con tale censimento contribuisce a innescare processi virtuosi, col coinvolgimento di pubbliche amministrazione e privati cittadini;

Rilevato -che l’Amministrazione Comunale è impegnata nella valorizzazione virtuosa del Palazzo d’ Avalos e della Riserva Naturale Statale di Vivara unitamente alle proprie risorse territoriali al fine di migliorare l’attrattività dell’isola di Procida ai fini di un turismo culturale-naturalistico, sostenibile e destagionalizzato;

-che in tale ottica, su iniziativa dell’Assessorato alla valorizzazione di Palazzo d’ Avalos e Vivara, il FAI ha manifestato la propria disponibilità a creare sinergia con l’Amministrazione comunale;

-che la partecipazione a tale censimento è quindi funzionale alla già avviata valorizzazione e fruizione turistico-culturale del Palazzo d’Avalos-ex carcere di Procida e della Riserva Naturale Statale di Vivara nonché a una futura e prestigiosa sinergia col FAI;

-Che è intento dell’Amministrazione implementare sempre più la valorizzazione dei luoghi in parola anche stimolandone la fruizione in chiave artistico-culturale;

DELIBERA per le motivazioni espresse in narrativa e che qui si intendono integralmente riportate: • Partecipare al censimento nazionale indetto dal FAI e denominato “I luoghi del cuore” indicando Palazzo d’ Avalos-ex carcere di Procida e la Riserva Naturale Statale di Vivara».

There are 2 comments left

  1. PIERA /

    Propongo di inaugurare un nuovo tipo di turismo, basato sulla valorizzazione del vostro territorio e dei relativi significati . Per compensare e premiare quei visitatori attenti alla qualità d’un rinnovato turismo . Propongo tariffe agevolate che favoriscano i sopralluoghi fuori stagione, incentivando la realizzazione di modifiche e adeguamenti
    volti ad un diverso tipo di residenti stabili e/o stanziali . Propongo che ogni visitatore in tal senso contribuisca, nei propri limiti e capacità, a tessere reti specifiche di valorizzazione adeguate .

  2. pasquale /

    Propongo….propongo…….propongo….ma cosa propone aria fritta…non stravolgiamo le cose….Procida sta benissimo senza turisti se volete fare turismo andate altrove…. comprate un bel casale e fate tutto il turismo che volete….roba da matti!a malapena 4 km quadrati con una densita’ di abitanti… piu’ alta dell’India e del Bengladesh e questi a far proposte di accoglienza e turismo…..già regna una confusione e un traffico indicibile e ingovernabile.Non me ne voglia ma io propongo che voi tacciate….Saluti

Comment is closed.