Redazione | Con la presentazione di ieri l’’altro a Marina Corricella l’isola si veste a festa per la tradizionale Sagra del Mare 2015 e per la più attesa “elezione della Graziella”, la fanciulla isolana vestita con il tipico abito settecentesco ricamato in oro che meglio incarna l’eroina descritta nel romanzo di Alphonse De Lamartine. Una serata che ha mescolato il jazz col folclore, la storia con l’arte e l a tradizione. Sono gli stessi organizzatori attraverso un comunicato a definire i contorni della festa: «Si può spiegare una straordinaria emozione? Sarebbe inutile! Eppure sarebbe ingiusto non tentare almeno di accennare a chi non ha vissuto le intense emozioni di una serata indimenticabile a Marina Corricella, quel che una folla emozionata ha potuto vivere. Una piccola pagina della storia folcloristica dell’isola di Arturo  è stata scritta ieri l’altro. Da Terra Murata a Marina Corricella, attraverso Piazza dei Martiri, un fiume denso di suggestioni ha lambito queste grancìe, regalando atmosfere magiche d’altri tempi. Gli addobbi floreali, gli antichi e preziosi tessuti esposti ai davanzali, le canzoni di Michaela Barbiero accompagnata da Elio Di Bernardo, le fiaccole, i canti popolari di Leonardo Scotto di Monaco, sono stati il degno tributo alla gioventù ed al fascino delle splendide padrone di casa: Federica Tramontano (Terra Murata), Marilena Lubrano Lavadera (Madonna delle Grazie), Sara Coppa e Archea Miranda (Corricella). Accolte da un bagno di folla e dalla voce suadente di Margherita Ambrosino, anche le altre partecipanti all’elezione di Graziella 2015, sono state perle incastonate nell’incomparabile ostrica di Marina Corricella.
L’emozione è stata intensissima davanti all’ennesimo capolavoro di arte, ingegno e passione de I Ragazzi dei Misteri, che ancora una volta hanno fuso in un’opera memorabile, la tecnica di costruzioni dei misteri e l’amore per la propria isola. Procida tutta, riconoscente e grata si inchina davanti a questi giovani e immensi artisti.  La Corricella alimentata dal fulgore della schietta bellezza delle nostre giovani “Grazielle”, è esplosa di luci e musiche al cospetto di tanta maestosa arte. L’opera liberamente ispirata alla fontana napoletana detta del gigante, è stata rielaborata con motivi marinareschi e la presenza del Dio Nettuno a protezione della perla Procida. L’animazione artistica elaborata da Aurelio Allocco e interpretata dall’inesauribile Stefania Balacco in coppia con il poliedrico Gaetano Vacca e dal fascinoso Luca “Alphonse” Auletta, hanno dato vita ad un gustoso quadro scenografico. Incantevoli le figure danzanti ideate da Manuela Di Costanzo dl Center Study Ballet. Come se non bastasse, un assalto saraceno in piena regola portato da Giovanni Righi e i suoi turchi agguerriti, con le coreografie pittoresche della scuola di danza “Il Balletto” di Jessica Giaquinto.
Un tripudio di bellezza, arte e cultura che da sole basterebbero a firmare l’estate 2015. Ma al trionfo mancavano solo le note magiche di “Corricella in Jazz” che, grazie alla impagabile associazione Artistika, hanno deliziato una platea numerosa e appassionata. Una serata da non dimenticare, Procida col vestito della festa, l’isola col suo volto più seducente». Soddisfatto ovviamente l’assessore alla cultura e ai grandi eventi Nico Granito: «Un grazie di cuore a quanti hanno reso possibile la realizzazione delle serate di presentazione delle Grazielle fino ad ora,in particolare a tutti i referenti delle Grancìe,alle Grazielle,ai giovani artisti coinvolti che hanno saputo rappresentare al meglio il fascino e lo spirito delle rispettive Grancìe. Alle prossime due serate continuiamo così! Un plauso speciale per la serata a Corricella ai Ragazzi dei Misteri,a Giovanni Righi ed a chi ha animato la parte teatrale e coreografica dello spettacolo sulla zattera, di corricella in Jazz,  grazie per averci fatto sognare».