• Mer. Mag 29th, 2024

TGPROCIDA

Raccontare il presente, capire il futuro

Giù le mani dalla chiesa della Pietà a Marina Grande. Il grido di denuncia dello scrittore e medico isolano Giacomo Retaggio

DiRedazione Procida

Apr 6, 2024

Procida – Chiese vuote, pochi preti e la possibilità di correre ai ripari provando a razionalizzare un pò le parrocchie esistenti sul territorio isolano. E’ bastato un articolo del giornale locale “Procida
Oggi”, ha riaccendere il dibattito sul territorio sulla necessità prima o poi  di mettere mano negli anni a venire ad un parziale ridimensionamento del numero delle parrocchie operanti a Procida.
Nella sostanza avviene già con quattro sacerdoti che devono dividersi per più parrocchie cercando
di fare il più possibile.
Nel merito l’accento –  parlando del PIO MONTE DEI MARINAI  – è caduto sulla “possibilità” di trasformare la Chiesa di San Giovanni Battista e della Pietà, da parrocchia a Rettoria, il che significherebbe, stando a quanto avviene altrove, che non si celebreranno più comunioni, matrimoni, cresime e battesimi.

Si tratterebbe di un passaggio giuridico formale che rispecchia anche la tendenza demografica dell’isola che si svuota sempre di più di residenti e di parrocchiani.

In sostanza è sotto gli occhi di tutti che attorno alle chiese dell’isola, negli ultimi vent’anni, sono sorti tanti bed and breakfast, stanze in affitto, punti turistici, negozi, con un gran viavai di persone ma, allo stesso
tempo, una diminuzione di fatto dei residenti, di famiglie, di coppie di sposi, di ragazzi.

Premettendo che ogni decisione spetti alla curia di Napoli, il fatto in se ha suscitato non pochi
commenti e qualche malcontento, come quello che ha scritto sul suo profilo social il dott. Giacomo
Retaggio, medico e scrittore locale:
Giù LE MANI DALLA CHIESA DELLA PIETA’ E SENT’CO‘ mi viene voglia di urlare con quanta
voce ho in gola. Verso mezzogiorno mi arriva una telefonata allarmata di don Giovanni, parroco da
diversi anni di questa chiesa. Il poveruomo è allarmato e preoccupato per via di un articolo di un
giornale locale che, prendendo in esame la situazione del Pio monte dei marinai, annesso a questa
chiesa, fa una disamina della situazione delle chiese in esubero a Procida rispetto al numero ristretto
di preti.
Tra l’altro l’articolista si preoccupa che la condizione di affanno in cui versa la chiesa procidana in
genere possa causare dei danni morali ed un decremento della fede religiosa. Mi è sembrato di
capire dalle parole concitate di don Giovanni che sarebbe stata avanzata una proposta secondo cui la
chiesa della Pietà verrebbe declassata a una sorta di dependance perdendo così il
titolo di parrocchia che resterebbe invece a San Leonardo con la quale verrebbe accorpata.
Ora, dico io, la chiesa della Pietà è un monumento civile, storico, religioso della nostra isola. È
proprio il caso di dare corpo a questa indecente proposta? I nostri antenati che l’hanno voluta si
staranno rivoltando nella tomba. Le loro ossa fremono di degno. il diventare Rettoria rappresenta
un grave scadimento di prestigio che sicuramente non si addice ad una realtà come la chiesa della
Pietà. Essa per secoli, ed ancora oggi, è stata l’anima di Procida; le sue campane hanno sottolineato
gioie e lutti di una comunità come quella procidana che affonda le sue radici nel mare.

Esse suonavano festose al rientro dei velieri procidani dalle rotte di tutto il mondo: e sempre il
suono delle sue campane faceva da faro acustico per le navi in transito durante le giornate di nebbia.
Questa chiesa è una realtà che gronda di storia, di civiltà, di umanità e di fede religiosa.
Queste sono le caratteristiche dei nostri padri che ci hanno guidato ed accompagnato fino ad oggi.
Come si può sottacere tutto questo bagaglio di sentimenti di un popolo tutto? Giù le mani dalla
chiesa della Pietà! lo grido di nuovo affinché tutti i Procidani degni di questo nome lo capiscano.
Procida ha una cultura vastissima e profondissima, basata da sempre sulla chiesa e sul mare.
Facciamo in modo da non perderla.
So benissimo che a Napoli ci sono molte rettorie ma a Procida è un’altra cosa. Tutte le soluzioni possono essere buone, ma bisogna valutare i pro e i contro. Ricordo, io che ho qualche annetto, che
qualche anno fa si parlava del carcere che da palla al piede si sarebbe trasformato in una palla gol e poi ancora quando lo stabile passò al Comune molti gridarono alleluia  di giubilo. Io piansi e parlai di una Ferrari regalata ad un clochard.
Dispiace dirlo, ma fui profeta. Il carcere è ancora là, sta cadendo a pezzi. Ogni volta che vi entro ed
attraverso i corridoi ventosi mi prende un morso allo stomaco. Solo i gatti si aggirano felici. Amici
che mi leggete cerchiamo di non fare la stessa fine anche con la chiesa della Pietà. I Procidani non
lo meritano!

Lascia un commento