• Sab. Dic 3rd, 2022

TGPROCIDA

Raccontare il presente, capire il futuro

Procida in marcia per la pace. Centinaia di persone in cammino per dire “No” alla guerra in Ucraina

DiRedazione Procida

Mar 4, 2022

Procida – Centinaia di persone hanno sfilato ieri l’altro per le strade di Procida sventolando la bandiera della pace o esponendo striscioni o messaggi contro la guerra.

Si è svolta infatti la marcia organizzata dal comune di Procida per dire “basta” all’invasione russa in Ucraina, manifestare la sentita vicinanza alla popolazione civile ucraina e chiedere che la comunità internazionale faccia tutto il possibile per far tacere le armi.

In piazza della Repubblica dove era fissato il ritrovo si è riunita una grande folla, composta e ordinata, unita dallo slogan “No War”.

Alle 20 circa è partito il corteo che, dopo aver attraversato Via libertà è giunto al porto di Marina Grande proprio davanti a Palazzo Merlato, edificio simbolo molto spesso con la sua illuminazione di flash mob isolani.

 A guidare la marcia il sindaco di Procida Dino Ambrosino, con in prima fila il leader della minoranza Luigi Muro.  Insieme a loro tutti gli assessori e i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione. Alla marcia hanno preso parte anche il segretario del Pd della sezione locale Raimondo Scotto di Covella, il dirigente del partito democratico Sebastiano Cultrera ed altri esponenti della politica come il commissario di Forza Italia giovani Andrea Potere.

Presenti poi le associazioni del territorio, gli studenti, i membri della comunità ucraina e tutti i cittadini che hanno voluto unirsi alla marcia.

«Ognuno di noi deve sentire forte questa responsabilità ogni giorno, di pensare, operare, agire come un costruttore di pace» – ha detto il sindaco Ambrosino. «Anche da una piccola isola come Procida si alza forte la voce di fermare ogni ostilità e di riprendere ogni forma di dialogo» ha detto il Sindaco.

 «Quelle che stiamo vivendo sono ore di grande tristezza, dolore e paura. una guerra che genera morte e distruzione e di cui a fare le spese è, prima di tutto, la popolazione civile» ha detto il consigliere Luigi Muro.

«La pace si costruisce con il dialogo, con il confronto continuo, aprendosi all’altro e non perdendo mai la speranza che alla guerra non ci sia alternativa. Alla guerra c’è sempre alternativa. Ma la pace si costruisce anche non dividendo, non acuendo i contrasti, non separando» ha detto Andrea Potere di Forza Italia.

Poco prima il ringraziamento del sindaco a tutti quelli che hanno promosso la marcia della pace, a tutte le figure istituzionali presenti, ai dirigenti scolastici, agli studenti, alle associazioni, ai partiti politici e ai cittadini che hanno scelto di essere presenti.

Il microfono è stato poi affidato ad una rappresentante della comunità ucraina che, ha ringraziato la comunità procidana e con la voce rotta dal pianto, ha esortato tutti a dare il proprio contributo per la causa ucraina.

La manifestazione si è conclusa con alcuni canti della pace e il canto dell’inno Ucraino accompagnato da un lungo applauso della folla.

 

Lascia un commento